Consulta il tuo referto online!

EMAIL: info@studiotiberino.it    Tel.: 0765 389189

L’ictus cerebrale: fattori di rischio e prevenzione

L’ictus cerebrale: fattori di rischio e prevenzione

  • ictus cerebrale

L’ictus cerebrale è una malattia neurologica molto frequente, che può avere un esito nefasto e comporta notevoli conseguenze per le persone che ne sono colpite. È molto importante quindi conoscere i fattori di rischio e riuscire a prevenirla.

L’ictus si verifica quando il cervello non riceve più sangue a causa della chiusura o della rottura di un’arteria (in questo caso di definisce ischemico o ischemia cerebrale) oppure quando viene inondato dal sangue di un’arteria che si è rotta (in questo caso, si parla invece di ictus emorragico).

L’ischemia cerebrale è pari all’85% dei casi totali di ictus e determina la morte delle cellule che non ricevono più il sangue. La chiusura dell’arteria è in genere determinata da un coagulo che si forma sull’arteria stessa oppure che proviene dal cuore o da altre arterie che portano il sangue al cervello. In entrambi i casi, i coaguli sono spesso determinati dalla presenza di placche arteriosclerotiche sulle pareti delle arterie stesse.

Nel caso dell’ictus emorragico, che copre il restante 15% dei casi, si ha un’emorragia cerebrale, ovvero la rottura di un’arteria che porta il sangue al cervello. Generalmente la causa è da ascrivere alla pressione arteriosa troppo alta.

ictus cerebrale

Fattori di rischio e prevenzione dell’ictus

Per l’ictus cerebrale, come per quasi tutte le patologie, esistono dei fattori di rischio. Alcuni non sono modificabili, perché riguardano l’età (l’incidenza è maggiore oltre i 55 anni), il sesso (gli uomini sono più a rischio delle donne), la predisposizione genetica (se in famiglia ci sono casi di ictus, infarto o attacchi ischemici transitori, detti TIA, la probabilità aumenta), il peso alla nascita e l’etnia (africanoamericani, asiatici e caraibici sono più a rischio).

La buona notizia, però, è che molti fattori di rischio sono controllabili e si può intervenire attraverso comportamenti adeguati. I principali sono:

  • Ipertensione
  • Fumo
  • Colesterolo alto
  • Diabete
  • Obesità e sovrappeso
  • Vita sedentaria
  • Malattie cardiovascolari
  • Pillola anticoncezionale e terapie a base di estrogeni
  • Eccesso di alcol
  • Uso di droghe, soprattutto cocaina e metamfetamine

In quasi tutti i casi citati, un’opportuna correzione del proprio stile di vita, con un’alimentazione povera di grassi e di zuccheri, un’adeguata attività fisica ed un controllo del peso costante, rappresenta una effettiva riduzione del rischio. A ciò si aggiungono, naturalmente, l’interruzione di abitudini malsane, come il fumo o l’abuso di alcool, il controllo di fattori esterni, come lo stress, e la cura di patologie correlate, come malattie cardiovascolari e diabete.

Leave a Comment

Name*

Email* (never published)

Website

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.